Home » PREMIUM » Il potere della narrazione

Il potere della narrazione


Avvisami

Da quando il Big Bang ha gettato l'universo in esistenza e l'umanità è uscita dal letame, abbiamo condiviso i nostri pensieri e sentimenti più profondi l'uno con l'altro attraverso l'arte della narrazione. Le storie ci aiutano a esplorare il nostro mondo e a condividere i nostri pensieri. Possono intrattenere, informare e influenzare; a volte, tutto in una volta. Le storie possono spaziare da quelle profondamente personali a quelle di portata quasi universale. Le storie condivise possono essere una parte preziosa dell'identità di un'intera cultura. Antichi racconti e dischi compaiono in disegni rupestri e possono essere ascoltati in antiche canzoni e poesie. I sussurri condivisi dal fuoco in una fredda notte buia possono trasformarsi in folclore, mito e leggenda. L'esperienza e l'immaginazione erano gli unici limiti di una storia.

Molti autori americani e le loro opere hanno sfidato i codici e le usanze del passato. In molti modi, questi autori e opere hanno cercato di plasmare e affinare un'identità americana basata sull'autosufficienza e su ciò che è servito per domare la natura selvaggia che era l'America antica. Quando i pionieri si insediarono e si sparsero su quella terra, c'era una preoccupazione di fondo che, per essere il proprio paese, doveva avere un'identità unica, deve essere definita; si è ritenuto che le arti soddisfacessero il bisogno, con la letteratura in particolare che fornisce il miglior esempio. Esploriamo i primi narratori.

Ralph Waldo Emerson, uno dei più prolifici scrittori della "nuova America" ​​del diciannovesimo secolo, cercò di assicurare che l'America venisse di sua iniziativa e fornisse una propria forma di stile distinto. "Cammineremo con i nostri piedi; lavoreremo con le nostre mani; parleremo le nostre menti. "

In linea con lo spirito delle dichiarazioni di Emerson sulla non conformità e il suo desiderio di vedere l'America con la sua personalità, è facile vedere come Emerson mise gli autori del giorno a disposizione.

Nella sua richiesta di uno sforzo "americano" nella letteratura in "The American Scholar", Emerson inizia a indicare che la nostra dipendenza dal passato è parte di ciò che sta paralizzando la nostra progressione: "La nostra giornata di dipendenza, il nostro lungo apprendistato l'apprendimento di altre terre, si avvicina alla fine. I milioni che intorno a noi si stanno precipitando nella vita, non possono essere sempre alimentati dai resti dei raccolti stranieri. "Emerson riteneva che l'autore del" nuovo americano "dovesse avere certi tratti e quindi un carattere nuovo e diverso dalla sua controparte europea.

L'accusa di Emerson era di costringere letteralmente i suoi colleghi scrittori a documentare lo "spirito dei tempi" e contribuire a creare un nuovo personaggio diverso da qualsiasi altro al mondo. L'America era una tela bianca in attesa degli artisti per creare un nuovo stile di pittura che potesse essere appeso con orgoglio nella galleria mondiale per tutti da vedere. Tali autori includevano James Fennimore Cooper, Edgar Allen Poe e Washington Irving (e molti altri).

Edgar Allen Poe, ad esempio, non soddisfa la sfida di Emerson. "The Fall of the House of Usher" è un racconto gotico che si adatta meglio ai vecchi europei, piuttosto che ai nuovi americani, poiché coinvolge tutti gli elementi della storia che ci si aspetterebbe da un racconto fuori dall'Inghilterra: un artista pazzo con sfumature incestuose verso il suo sorella, una vecchia villa raccapricciante che sta cadendo a pezzi per la mancanza di attenzione nel corso degli anni, e persino una sepoltura viva. Questa storia è molto simile allo stile di Shakespeare, con una forte influenza inglese.

Washington Irving, d'altra parte, incontra la sfida di Emerson. In "Rip Van Winkle", ad esempio, l'ambientazione gioca un ruolo importante nella creazione dell'identità americana. Con la Hudson River Valley come sfondo, Irving parla di persone che si radunano in aree comuni della comunità per parlare "dei diritti dei cittadini-elezioni-membri del congresso-libertà ..."

Anche se si può dire che "Rip Van Winkle" è anche gotico, in realtà è più una storia fantasy adatta alla nuova e strana terra conosciuta come America, un "capovolgimento" della tradizione e dello stile di racconti europei più antichi . I personaggi della storia potrebbero, molto facilmente, essere anche rappresentativi di altre cose.

Per esempio, Dame Van Winkle potrebbe rappresentare l'Europa e le vecchie abitudini - rigorosa, con regole e aspettative, una vera e propria "moglie terrificante". "Il tempo peggiorò sempre di più" e fu osservato che "un temperamento aspro non si placa mai con l'età, e una lingua affilata è l'unico strumento orlato che cresce più acuto con l'uso costante. "Se questa non è una visione dell'Inghilterra, allora il ritratto di Sua Maestà Giorgio III sopra la locanda locale lo accarezza!

Quando Rip trova la gente di montagna e si unisce a loro (si pensi alla "Purple Mountains Majesty"), ricorda un viaggio in un'altra terra - specialmente con il liquore, comune nei viaggi per mare. Svegliandosi e scoprendo che il tempo era passato, si avventa giù nel villaggio per scoprire che le cose erano cambiate. Il villaggio conteneva case che non aveva mai visto prima, edifici che non riconosceva e nomi strani su segni che gli sembravano estranei.

In realtà, non era più il re Giorgio nella locanda, ma una somiglianza del generale Washington; la gente parlava "dei diritti dei cittadini - elezioni - membri della libertà del Congresso - gli eroi della collina di Bunker di settantasei e altre parole, che erano un perfetto gergo babilonese per lo stupefatto Van Winkle". Dame Van Winkle era morta, simbolo di L'Inghilterra non era più coinvolta nella sua vita, e c'erano alcuni vecchi amici e vicini, insieme a sua figlia, come se avesse navigato in una nuova terra e lasciato alcuni dei suoi familiari e conoscenti.

Rip è diventato un "nuovo americano" alla fine della storia. Ci sono così tanti riferimenti all'America nella storia. La prima, e più ovvia, era l'aquila che si librava nel cielo: il simbolo supremo dell'America. I primi coloni americani capirono l'importanza della famiglia; se non avevano nient'altro quando venivano per la prima volta in America, di solito avevano almeno un altro membro della famiglia. Al nuovo (e allegoricamente chiamato) Union Hotel, Rip scorse una bandiera a stelle e strisce. Quando fu riunito con sua figlia e nipote e poi suo figlio, fu più a suo agio.

Certo, l'aquila e la famiglia non sono le uniche cose che indicano che Rip è un "nuovo americano". Nelle parole dello stesso Rip, dice: "Io non sono me stesso-io sono qualcun altro" e poi ammette che "Ogni cosa è cambiata, e io sono cambiato." Non era più "soggetto a sua maestà Giorgio Terzo, ora era un libero cittadino degli Stati Uniti".

È ovvio che il sogno di Rip lo ha cambiato. Sebbene abbia ripreso le sue "vecchie passeggiate e abitudini" e abbia trovato molti dei suoi "vecchi amici", preferirebbe fare amicizia con la nuova generazione di "nuovi americani". Nonostante fosse simile a come era amico di tutti i bambini della città in precedenza, assistendoli con i loro sport, i giocattoli, la narrazione ed essendo il bersaglio scherzoso delle barzellette, divenne il patriarca della città e raccontò storie di "prima della guerra". Irving afferma che era "qualche tempo" prima di essere in grado di capire cosa successo o comprendere lo stato attuale delle cose, il che implica che, in effetti, ha compreso e compreso la sua posizione attuale nella società. Sua moglie se n'era andata, aveva raggiunto quella "felice età in cui un uomo può essere inattivo impunemente", poteva andare e venire a suo piacimento, avere il conforto della famiglia e scegliere con chi avrebbe voluto associarsi. Rip era finalmente contento, ben lontano dal modo in cui era all'inizio della storia.

In termini di cambiamenti nell'identità americana dopo la rivoluzione, i cambiamenti sono correlati a molte cose. Ad esempio, quando Rip si sveglia dopo aver dormito e va nella sua taverna preferita in città, vede "un tipo magro, dall'aspetto bilioso, con le tasche piene di volantini, [discutendo] con veemenza sui diritti dei cittadini-elezioni-membri del Congresso -Laberty-Bunker's hill-heroes di settantasei e altre parole. "In questa linea si può vedere gran parte dell'identità americana che è diventata" diritti inalienabili "nella nostra Costituzione, tra cui: Freedom of the Press (volantini), Bill dei diritti (diritti dei cittadini), delle votazioni (elezioni), delle varie libertà (libertà), "e di altre parole", mai prima d'ora c'era stata una garanzia per gli americani. Erano sotto il dominio di Re Giorgio e potevano solo sperare che potessero rimanere fuori dalla sua strada e fuori di testa, per timore di essere soggetti al suo capriccio. Le persone potevano sentirsi sicure e preoccuparsi delle cose importanti nelle loro vite - la loro famiglia e le loro fattorie o mezzi di sostentamento, piuttosto che se fossero o meno protetti dal dominio tirannico di un re dispotico.

L'importanza della politica è anche parte della nuova identità americana. Questo è evidente quando Rip si confondeva nella corona dell'hotel e gli fu chiesto come avesse votato (nelle ultime elezioni) e se fosse un "federale o democratico", i due partiti prevalenti in quel momento.

L'incontro con la sfida di Emerson non è poi così difficile. Allontanarsi dal vecchio mondo e dalle tradizioni del vecchio mondo a cui la gente si affezionava era difficile. Alcuni scrittori erano in grado di rompere gli schemi, altri no.

In "Self-Reliance", dichiara Emerson, "Chiunque sarebbe un uomo deve essere un anticonformista." È questa idea che ha spinto Emerson a sfidare continuamente gli autori a creare un personaggio americano che mostri un carattere distintivo che identifichi univocamente il "nuovo americano" chi potrebbe quindi prendere il suo posto tra le culture del mondo e, allo stesso tempo, distinguersi come il proprio individuo.

Irving è stato in grado di prendere la sfida di Emerson e non solo incontrarla, ma battere. La sua storia, "Rip Van Winkle", è un testamento e una prova del successo di Irving nel superare il test e superare il coraggio di Emerson. Alcuni autori sono stati in grado di passare dal vecchio mondo al nuovo, altri no; Washington Irving, attraverso Rip Van Winkle e le sue altre storie, è stato uno dei più riusciti. Coloro che sono stati in grado di trascendere il modello europeo hanno contribuito a formare l'estro unico e definire il personaggio che è diventato noto come "Letteratura americana".

Questi scrittori hanno contribuito a forgiare il mestiere di narrazione. Senza le loro basi, molti narratori moderni andrebbero persi.

La continua evoluzione della narrazione si è verificata su diversi percorsi. Prima della metà degli 1890, lo storytelling più coinvolgente era il teatro dal vivo. Quindi, si aprì un nuovo percorso; film muti. La tecnologia dello storytelling aveva raggiunto il punto in cui il contributo primario dell'umanità (vista) poteva essere realizzato e prodotto in massa con mezzi puramente meccanici. Alla fine degli 1920 apparvero televisori meccanici (con audio). Circa cinque anni dopo, il suono è apparso anche nel cinema; i nostri strumenti più avanzati per la narrazione soddisfano ora entrambi i nostri sensi primari.

Poco dopo, la diffusa sostituzione di televisori meccanici passò a versioni puramente elettroniche. I progressi della televisione e del cinema continuarono a migliorare e dagli 1950s, la trasmissione di immagini a colori divenne pratica. 50 ha anche introdotto il concetto di collegamento dei computer su una rete. La ricerca e lo sviluppo iniziali hanno avuto un'influenza notevole da parte delle principali università militari e di tutto il mondo ("The World Wide Web", ad esempio). Dai primi 70, la transizione universale alla televisione a colori era quasi completa. Dal compianto 80 cominciarono a comparire ISP commerciali. Il continuo progresso e miglioramento dei computer continua a migliorare i media moderni su tutta la linea, senza fine in vista.

Nessuna singola nazionalità o mezzo può presentare rivendicazioni esclusive alle storie. Inventori e pionieri come Edison e Farnsworth ci hanno portato le nostre incarnazioni moderne dell'antico fenomeno dello storytelling - con film e serie televisive nel cinema e nelle nostre case attraverso la televisione e internet. Film, televisione e Internet sono ora all'avanguardia nella narrazione. Le storie sono il DNA di cui è fatto TUTTO il contenuto multimediale. Senza contenuto, tutto il trasporto e la gestione dei dati nei media non ha senso. Ogni bit e byte di dati è un filo sottile del ricco arazzo (si spera) che mostri la grande visione del suo produttore. Quali sono le storie e le lezioni che il tuo creatore di contenuti vuole condividere?

Non c'è carenza di narratori. 20th Century ha prodotto numerosi narratori - in letteratura, palcoscenico, schermo argentato e piccolo schermo - troppo estenuanti da elencare.

La storia al 2019 di Las Vegas NAB Show è che vogliono aiutare la comunità dei media a ottenere loro storie fuori. La tecnologia più recente aiuterà i tuoi narratori a stimolare i fuochi della creatività per aiutare a seguire il tuo eroe in un viaggio epico. Con tutta la tecnologia nata per supportare i media in continua espansione del mondo, la scienza della narrazione è finalmente arrivata a soddisfare pienamente le esigenze dell'arte della storia. Non è più necessario un grande studio per completare un film carico di effetti. Con tecnologie più avanzate, piccoli studi e persino singoli individui possono creare contenuti. Attrezzature più portatili e più robuste aprono nuove opportunità di narrazione.

Immagina quale potrebbe essere il tuo "YouTuber" preferito con un SSD ultra-veloce e robusto con 2 Terabyte di capacità, o quali acrobazie aeree potrebbero essere ottenute con una mini videocamera collegata a un drone agile. Quali nuove vette del mestiere dei narratori possono ora essere raggiunte quando l'immaginazione umana può essere completamente scatenata? NAB Show accoglie con favore la possibilità di aiutare i membri dei nostri mass media mondiali in espansione a scoprire questi e molti altri potenziali sbocchi.


Avvisami
Seguimi

Ryan Salazar

Editor-in-Chief, Editore at Broadcast Beat Magazine, LLC.
Ryan ha iniziato a lavorare nel settore della trasmissione e post-produzione alla giovane età di dodici anni! Ha realizzato programmi televisivi, ha costruito grandi impianti post-produzione, scritto per alcune delle principali pubblicazioni del settore ed è stato un ingegnere audio per circa dieci anni. Ryan ha scritto precedentemente per Broadcast Engineering Magazine, Creative COW ei suoi progetti sono stati presentati in decine di pubblicazioni.
Seguimi

Ultimi post di Ryan Salazar (vedere tutte le)

G|translate Your license is inactive or expired, please subscribe again!