Home » PREMIUM » Personalità e profili: Mike Baldassari

Personalità e profili: Mike Baldassari


Avvisami

Mike Baldassari (fonte: Jonsar Studios)

Mike Baldassari è un noto lighting designer di alto livello sia per il palcoscenico che per il cinema. Di recente ho avuto l'opportunità di condurre un'intervista dettagliata con lui sui suoi successi professionali e numerosi crediti.

"Sono orgoglioso di dire che sono un lighting designer nominato a Tony ed Emmy, il cui lavoro è stato visto dal vivo in oltre 25 paesi", mi ha detto Mike. “Oltre a progettare spettacoli di Broadway come cabaret (1998 e 2014), Figli di un dio minore e Primo appuntamento, Ho creato l'illuminazione teatrale per i film Ghostbusters (Versione 2016), Nove, Rock of Ages, Rumore gioioso e Neil Young Trunk Show, tra gli altri. I miei progetti televisivi includono Season 2 di My Next Guest di David Letterman non ha bisogno di presentazioni, la RED Live concerto / trasmissione da Times Square con U2 e Bruce Springsteen, U2 Top of The Rock spettacolo per The Tonight Show, episodi di Documentary Now!, nonché i pre-nastri per Sabato Night Live e Late Night con Seth Meyers. Ho progettato gli speciali di Netflix per John Mulaney, Ray Romano, Joe Rogan, Dana Carvey e i prossimi speciali per Hannibal Buress e Chris D'Elia. Nel mondo della musica, ho progettato più capodanno con Phish alla MSG e una serie di concerti per Neil Young e Alice in Chains. Inoltre, ho progettato concerti televisivi per; Mary J. Blige, Tim McGraw, Sam Smith e Garth Brooks. ”

Baldassari ha continuato a raccontarmi come ha iniziato la sua carriera come lighting designer. “Mentre ero al liceo, suonavo in band e lavoravo professionalmente come batterista. La Parsippany Hills High School aveva un eccellente programma artistico e alla fine ho trascorso il maggior tempo possibile a lavorare nel teatro dove ho riscontrato il problema con l'illuminazione. Ho continuato i miei studi teatrali all'Università del Connecticut e, mentre ero ancora senior, sono stato accettato nel programma di stage della United Scenic Artists 829. Dopodiché, ero fuori e correvo! Per me è stata una progressione naturale dal musicista al lighting designer, visto che sono ancora coinvolto nella musica quasi ogni giorno. Cerco di essere un Lighting Designer perché sono davvero un "orchestratore", tranne, invece di usare strumenti musicali come violini o chitarre, sto usando luci mobili e altre fonti per orchestrare visivamente la musica o altre esperienze teatrali ".

Ho chiesto a Mike quali produzioni teatrali e film ha trovato particolarmente memorabili o di cui era particolarmente orgoglioso. "Ho avuto un rapporto 20-plus anno con la produzione di Broadway di cabaret, essendo stato nominato insieme a Peggy Eisenhauer per un premio Tony in 1998 per questo. Abbiamo quindi co-progettato l'ultimo revival in 2014. Quando abbiamo iniziato, è stato co-diretto da questi due giovani di nome Sam Mendes e Rob Marshall. (Mi chiedo cosa sia successo a quei ragazzi?) Abbiamo finito per fare molti tour e produzioni in tutto il mondo. Inutile dire che la nostra produzione è stata un tale punto di svolta che continuerà a influenzare ogni produzione successiva che sarà mai fatta di cabaret. L'altra cosa di avere una relazione così lunga con uno spettacolo è che aiuta a farlo Cabaret-uno dei grandi musical americani di tutti i tempi, quindi il viaggio non è stato certo noioso.

“Per quanto riguarda i film, senza dubbio, dovrei mettere la produzione di Rob Marshall Nove proprio lassù! Ho illuminato i numeri musicali di 14 presenti nel film, lavorando direttamente con il direttore della fotografia Dion Beebe e Rob, dove tre di noi hanno collaborato molto attentamente all'aspetto di ogni momento. Tutti i numeri musicali sono stati girati sul più grande palcoscenico sonoro degli Shepperton Studios di Londra, dove il set aveva le dimensioni di un campo da calcio. È un film visivamente sbalorditivo con un cast incredibile, diretto da Daniel Day Lewis con i co-protagonisti Sophia Loren, Dame Judy Dench, Nicole Kidman, Penelope Cruise, Fergie, Kate Hudson e Marion Cotillard. Oltre ad illuminare alcune sequenze musicali molto grandi, ciascuno dei protagonisti aveva anche i propri numeri in primo piano. Fondamentalmente ogni numero musicale doveva essere illuminato in modo molto teatrale, che è la ragione per cui Rob mi ha coinvolto. Voleva un designer che potesse illuminare per il film proprio come se lo stessimo mettendo su un palcoscenico di Broadway, e sapeva che ne avevamo parlato stessa lingua. È stata un'esperienza indimenticabile!"

I crediti di Baldassari includono anche la progettazione di spettacoli aziendali per CBS Television. Mi ha spiegato come ha ottenuto quel concerto. “Il produttore esecutivo di CBS in anticipo sega cabaret e ha raggiunto quando stavano cercando di aggiornare i loro valori di produzione. Nel corso del tempo, gli spettacoli sono diventati sempre più complessi e abbiamo davvero spinto il limite di ciò che si può fare alla Carnegie Hall. Una delle maggiori sfide che affrontiamo sempre in questo progetto è rendere lo spettacolo fantastico per la folla di Madison Avenue nella stanza, così come per la telecamera, poiché lo spettacolo viene trasmesso in altre località degli Stati Uniti. Al fine di ottenere il giusto equilibrio di illuminazione per il live e per la telecamera, lavoro a stretto contatto con l'ingegnere video Billy Steinberg. La danza che facciamo assicura che non ci siano compromessi visivi per nessuno dei due spettatori. "

In risposta alla mia domanda su quale tipo di apparecchio e software di illuminazione preferisca lavorare, Baldassari ha dichiarato: “Dal lato software, lo strumento principale è Vectorworks per tutti i nostri disegni e rendering 3D. Per le corrispondenti scartoffie tra designer e elettricista, è sempre Lightwright, che uso da quando è uscito mentre ero al college. I due programmi ora funzionano in tandem piuttosto perfettamente. Poiché il componente 3D di Vectorworks continua a migliorare fino al punto in cui ora è molto prezioso come parte del processo di progettazione pre-produzione, il suo componente di previsolazione Vision sta ora diventando parte del nostro flusso di lavoro. Fondamentalmente possiamo passare abbastanza facilmente dalla creazione della nostra trama luminosa e dei disegni tecnici, in 3D come parte di Vectorworks, quindi esportare il file CAD in Vision, dove possiamo iniziare a costruire segnali direttamente nella console di illuminazione e iniziare a portare la visione creativa di il design dell'illuminazione alla vita.

“In generale, dal punto di vista delle apparecchiature, continuo a spostarmi sempre più verso sorgenti LED e dispositivi automatici, che stanno diventando sempre più la stessa cosa. Preferisco sempre avere la possibilità di cambiare colore e l'opzione di regolare la messa a fuoco di un apparecchio tramite un programmatore anziché tramite una scala. Penso che come artisti sia importante continuare a specificare strumenti più efficienti dal punto di vista energetico e spingere i produttori verso prodotti più ecologici. Il tasso di cambiamento continua ad accelerare, ma questo è un momento entusiasmante, poiché i produttori hanno risposto con attrezzature sempre migliori negli ultimi anni. Nel complesso, direi che la qualità degli apparecchi a LED continua a migliorare.

“Mentre eseguo una gamma estremamente ampia di progetti, gli strumenti che specifico possono essere ugualmente variati, in quanto non esiste una soluzione unica per la maggior parte delle sfide di illuminazione. Tuttavia, lo so ogni volta che mi viene richiesto, diciamo, a Late Night con Seth Meyers pre-tape remoto, il più delle volte, il pacchetto inizierà con Arri Skypanels. Se sto illuminando uno speciale di Netflix come David Letterman Il mio prossimo ospite non ha bisogno di presentazioni che include un backwall usato come un cicl, probabilmente inizierò con i proiettori Chroma-Q Color Force II. Per quanto riguarda il controllo, mi consulterò sempre con il mio programmatore di luci mobili, ma molto spesso sembriamo atterrare da qualche parte nell'ecosistema ETC o in qualche versione di GrandMA 2. Anche se non è del tutto appropriato per ogni progetto, in generale più automazione è meglio. "

Baldassari ha condotto un seminario per il NAB Show New York lo scorso fine settimana ha chiamato "The LED Challenge for Film and Television", quindi l'abbiamo affrontato nell'intervista. "Questa è stata la prima volta che sono stato invitato a far parte del NAB", ha spiegato. “Da quando ho iniziato nel settore, ne ho sempre sentito parlare, soprattutto da tecnici di tutto rispetto, quindi non vedo l'ora di provarlo da solo!

“Mentre mi avvicinavo al mio discorso dal punto di vista del designer, ho brevemente toccato come e perché siamo arrivati ​​al punto in cui i LED ci sono stati utili non solo in teatro e nei tour rock, ma in televisione e nei film. Come uno dei pochi lighting designer "crossover" che lavora in tutti questi settori, seguo da tempo la crescente presenza dei LED. C'è l'ovvio vantaggio di usare i LED per toccarli; consumo di energia, flessibilità, ecc., ma volevo anche toccare alcune delle sfide che ho incontrato. Ho condiviso alcuni aneddoti sui problemi che sono emersi e su cosa abbiamo fatto per risolverli. La linea di fondo è che gli apparecchi a LED sono qui per restare — e mentre alcuni produttori lo hanno capito, ci sono ancora casi in cui dobbiamo rispondere alle sfide che possono presentarsi usando un apparecchio con quattro spine su di esso! Il mio pubblico di riferimento era per chiunque si immergesse nella piscina a LED, per i veterani più esperti che vogliono avere in mente una soluzione quando c'è un problema nel loro progetto. ”

Baldassari ha concluso l'intervista raccontandomi i suoi prossimi progetti. “Al momento, ho uno speciale di Netflix per Hannibel Buress nella lattina che abbiamo girato l'estate scorsa a Miami, e attualmente sto progettando un altro speciale di Netflix per Chris D'Elia che stiamo girando a Minneapolis all'inizio di novembre. C'è un progetto cinematografico che un amico coreografo mi ha chiesto di illuminare che sta girando. Dal punto di vista teatrale, sono il lighting designer e scenografo di una serie di Broadway chiamata In residenza, che speriamo di riportare la prossima primavera. È uno spettacolo di tipo festival a Broadway dove possiamo portare una grande varietà di artisti per tirature limitate. La prima versione dell'estate scorsa ha avuto molto successo. Avevamo artisti vari come Morrissey, Mel Brooks, Dave Chappelle e Barry Manilow. La chiave per far funzionare la serie è un sistema di illuminazione che abbiamo soprannominato "Flex-i-Fest" ™ in cui, lavorando con il LD di ogni atto, siamo stati in grado di dare ad ogni artista la propria trama luminosa unica senza dover caricare e caricare spettacoli completamente diversi. Nell'ultimo passaggio abbiamo fatto, il sistema di illuminazione è passato dall'esclusiva trama luminosa di Dave Chappelle a Barry Manilow in meno di due ore. Ha funzionato così bene che PRG e la mia azienda hanno richiesto il brevetto. Cercalo la prossima primavera in un altro teatro di Broadway! Dopodiché, ci sono due tour teatrali che dovrebbero uscire la prossima stagione. ”


Avvisami
Doug Krentzlin

Doug Krentzlin

scrittore at Broadcast Beat
Doug Krentzlin è un attore, scrittore e storico del cinema e della TV che vive a Silver Spring, MD con i suoi gatti Panther e Miss Kitty.
Doug Krentzlin

Ultimi messaggi di Doug Krentzlin (vedere tutte le)