Home » Creazione di contenuti » Potete vedere la luce? Solo con la lente destra!

Potete vedere la luce? Solo con la lente destra!


Avvisami
Layard lens (aka The Nimrud Lens)

Layard lens (aka The Nimrud Lens)

La lente artificiale più antica scoperta, finora, è la Layard Lens (aka: "The Nimrud Lens"); È stato trovato da AH Layard in 1853 ed è intorno a 3000 anni (circa 750BC-710BC nell'Impero Neo-Assyriano). È stata trovata a Kalhu, la città reale di residenza di Tiglath-pileser (nel moderno, cioè

Nimrud in Iraq) nel Palazzo Nord Ovest. Il suo scopritore ha postulato è stato utilizzato come un antico lente d'ingrandimento e / o per avviare piccoli incendi. Attualmente è in mostra nel British Museum; Il curatore non è così sicuro circa la valutazione della cordicella degli artefatti, però, e pensa che possa semplicemente essere intesa come una decorazione. Intenzionale o no, comunque is Una lente, anche se incredibilmente grezzo.

Se avessi latino in scuola superiore o universitaria, potresti aver già capito che la parola "lente" è derivata da "lenticchia"

Un solo fagiolo di lenticchie (nota la protrusione convessa)

Un solo fagiolo di lenticchie (nota la protrusione convessa)

(Il fagiolo è una doppia forma convessa). Testi antichi greci, romani e egiziani ricordano "bicchieri brucianti" e "lenti d'ingrandimento". La prima menzione scritta di ciò che era (potenzialmente) una lente correttiva apparteneva all'imperatore Nero.

Saltando avanti per mille anni, troviamo un sacco di prove nell'Europa medievale di microscopi, telescopi e occhiali. Parlando di quale: avete sentito parlare dell'optometrista che è caduto in un macinino di lenti e ha fatto uno spettacolo di se stesso? Mi dispiace, semplicemente non potrei vedere Un modo attraverso questo argomento senza risorgere quel vecchio castagno. Corniness soddisfatto, possiamo ora andare avanti.

Soltanto fino a 1733, l'onda successiva di scoperte con le lenti apparve; È allora che Chester Moore Hall ha inventato l'obiettivo acromatico composto in Inghilterra. lui

L'apocromatico di Peter Dollard (utilizzato nei telescopi)

Lente apocromatica di Peter Dollond (usata in telescopi)

Non è riuscito a perseguire astringentemente il soggetto, tuttavia, che ha portato ad una catena di eventi che hanno visto la scoperta brevettata in 1758 da un diverso ottico: John Dollond. Da 1763, Peter Dollard (figlio di John) aveva inventato un miglioramento dell'invenzione che chiamava l'apicolo.

La prossima grande cosa in luce che si è verificata è stata l'evoluzione della teoria moderna della luce; Diversi esperti, medici, fisici, inventori e matematici si sono impegnati negli esperimenti e nelle speculazioni. In particolare Thomas Young (Inghilterra) e AJ Fresnel (Francia), sviluppando la teoria d'onda della luce. James Clerk Maxwell (scozzese), con la teoria elettromagnetica della luce in 1864, ha accompagnato che con il suo lavoro sulle prime fotografie a colori intorno allo stesso tempo (circa 1860's). Max Planck (Germania) e il suo quantistico La teoria in 1900 ha aiutato a spiegare la luce; Albert Einstein (eventualmente Stati Uniti) in 1905 ha ulteriormente rafforzato la descrizione della luce di Planck, portandoci il fotone.

1.5inch Dual Monopulse Gaussian Optics Lens di Dehron.com

Lenti 1.5inch Doppio Monopulse Gaussian Optics by Dehron.com

Avanza in quantistico La meccanica ha spiegato molto sulla luce di 1935.

Con tutte le persone molto luminose che lavorano nella teoria della luce, è importante non perdere di vista altre menti brillanti che lavorano direttamente con le lenti. Carl Friedrich Gauss, un matematico tedesco, ha contribuito molto alla lente moderna e alla comprensione del suo utilizzo. Il suo Dioptrische Untersuchungen Ci ha insegnato molto, tra cui l'analisi pugno della formazione delle immagini con l'ottica Gaussian.

Almeno per i prossimi 100 anni, il suo lavoro ha contribuito a guidare l'elaborazione di oggetti efficaci, in particolare la spiegazione dei cinque quirks principali delle lenti (astigmatismo, coma, distorsione, curvatura del campo Petzval e sferica).

Mentre questi termini sono stati applicati alle lenti dell'occhio, sono utilizzate nel campo dell'ottica e certamente in tutto ciò che richiede una lente da fotocamere (foto) a occhiali - che ci porta alle lenti usate oggi nel digitale Videocamere utilizzate dalle stazioni di trasmissione e da altri professionisti del settore.

Lente Canon Canon CN-E14.5-60mm T2.6 L SP

Canone Obiettivo CN-E14.5-60mm T2.6 L SP

Non sorprende, Canone Ha molto da offrire nel reparto delle lenti. Il CN-E14.5-60mm T2.6 L SP (con montaggio PL o montaggio EF) offre una copertura senza giunte grandangolare. Con un obiettivo zoom 4.1x nella Super 35mm Formato, è ingegnerizzato per ottimizzare l'uscita ottica. Canone Incontra regolarmente o supera gli standard più avanzati del settore. La qualità è sempre alla pratica Canone prodotti; Gli anelli di controllo aiutano a mantenere la corretta resistenza con la coppia su questa lente e sul retro della flangia un meccanismo di regolazione soddisfa le esigenze cinematografiche dell'utente. Questa spettacolare lente 4K presenta grandi elementi e lenti a forma di asferico che contribuiscono ad affinare le sue immagini ingrandite. A causa dell'ingegneria squisita, l'attenzione appropriata richiede solo minime modifiche. Un diaframma di diaframma di regolazione delle lame a 11 consente una messa a fuoco straordinariamente nitida.

Un altro successo sicuro per Canone È il CN-E30-300mm T2.95-3.7 L SP (con supporto PL o montaggio EF) - un concorrente superiore nel Super 35mm Formato con ingrandimento insuperabile e lunghezza focale teleobiettivo. Molte delle caratteristiche pratiche di CanoneLe lenti high-end trovano la loro strada nella maggior parte dei loro dispositivi ottici; Come la lente precedente, anche questo ha segni chiari su entrambi i lati delle superfici angolate per consentire la facilità d'uso anche dal lato opposto. Canone Gli ingegneri prendono il cliente HD Aspettative seriamente. Il design all'avanguardia nella costruzione del vetro compensa l'espansione e la contrazione, correggendo gli errori indotti dall'ambiente nella marcatura.

Gruppo di Schneider-Kreuznach Cine-Xenar III (set di sei) obiettivo

Gruppo di Schneider-Kreuznach Cine-Xenar III (set di sei) obiettivo

La presentazione di Schneider-Kreuznach Group alla selezione di obiettivi di volo è il CineXenar III (set di sei) Prime lenti. Il loro design accuratamente progettato è specificamente mirato al meglio della cinematografia e delle videocamere. Solido, con ottico design ottico telecentrico, l'effetto bokeh è meraviglioso e la CineXenar III ha un T-stop veloce (come ci si aspetterebbe da una linea di obiettivi altamente acclamata). È anche sorprendentemente conveniente, considerando la squisita qualità.

Kit Sony SCL PK6 / F CineAlta 4K

Sony SCL PK6 / F Kit di lenti CineAlta 4K

Sony'S contributo alla nostra linea di lenti high - end è un'altra suite di lenti 6. Il kit SCLPK6 / F CineAlta 4K comprende 20mm / 25mm / 35mm / 50mm / 85mm e le lenti 135mm. Ideale per le telecamere con il sistema di montaggio Arri PL, le lenti sono 4K in grado di costruire in metallo e di un elemento asferico. Oltre ad essere T2 compatibili, ognuno ha un iris 9-bladed. Sharp o morbido, Sony Ottiene le tue immagini giuste.

Red Digital Cinema ha una grande quantità di lenti per il tuo utilizzo cinematografico. Alcune recenti e future opere teatrali che utilizzano alcuni obiettivi rossi includono: Trilogy Hobbit, Annabelle, Vendicatori: Age of Ultron, Enders Game, Pompei, Elysium, 300 Rise of Empire e Transformers: Age of Extinction, per citarne solo film 10. Rosso fa quello che fanno gli altri produttori di lenti superiori, e lo fanno abbastanza bene per assicurare un posto migliore.

Le lenti Primo Prime di Panavision sono un gioco di gioco; Hanno anche riuscito a procurare alcuni Academy Awards. Questa collezione è roba top-shelf; essi

Le lenti Primo Prime di Panavision

Le lenti Primo Prime di Panavision

Producono un'illuminazione illimitata e una perfetta combinazione di altre immagini usando l'obiettivo primario. Lo sfarfallio, la distorsione e il bagliore velato sono facilmente distolti dalle lenti Primo Prime; Sono ideali per fotocamere digitali e film. La lunghezza focale varia da 10 a 150 millimetri e nessuna di queste lenti è compatibile con il 1.4x Primo Extender, che elimina una sosta completa di esposizione. Con l'obiettivo di destra e le impostazioni corrette, è possibile mettere a fuoco anche a meno di 2 pollici dalla parte anteriore dell'obiettivo.

Il Primo Classic Series Delle prime lenti di Panavision consente una facile selezione tra il morbido soft classico (con una scala di intervalli regolabili) e prestazioni di alto contrasto. Coerentemente una perfetta corrispondenza con le altre lenti primarie a colori e utilità, è possibile mettere a fuoco quasi macro nelle giuste condizioni; Ognuno può anche ospitare un filtro posteriore a gel (vite su). Queste lenti vanno da 21 millimetri a millimetri 125. I disegni di vetro di Panavision (migliorato) favoriscono la lente millimetrica 21, 27, 35 e 50 in questa linea di prodotti; Tutti e cinque sono impostati per la velocità T100. Le dimensioni 1.9, 24, 30, 65 e 85 millimetriche sono utilizzabili con velocità T125 o T1.7 e possono essere regolate da sharp a soft focus entro lo sparo. I meccanismi di camma mettono a fuoco tutto espanso per tutto oltre i piedi 3 con la messa a fuoco quasi macro. Le lenti più lunghe 2 della serie classica (IE il millimetro 100 e il millimetro 125) utilizzano anche la tecnologia a cuscinetto lineare.

Dall'antico Impero Assiriano, attraverso la giornata moderna, le lenti si sono progressivamente migliorando e aiutando il modo in cui vediamo il mondo. Come le nostre tecnologie fotografiche sono apparsi e avanzate, le lenti ci hanno aiutato a cronometrare il nostro continuo sviluppo come una corsa con immagini sempre più chiare. Gli obiettivi in ​​telescopi possono portarci le stelle dal cielo e le lenti delle nostre telecamere possono aiutarci a portare le nostre stelle al nostro pubblico.


Avvisami
Seguimi

Ryan Salazar

Editor-in-Chief, Editore at Broadcast Beat Magazine, LLC.
Ryan ha iniziato a lavorare nel settore della trasmissione e post-produzione alla giovane età di dodici anni! Ha realizzato programmi televisivi, ha costruito grandi impianti post-produzione, scritto per alcune delle principali pubblicazioni del settore ed è stato un ingegnere audio per circa dieci anni. Ryan ha scritto precedentemente per Broadcast Engineering Magazine, Creative COW ei suoi progetti sono stati presentati in decine di pubblicazioni.
Seguimi

Ultimi post di Ryan Salazar (vedere tutte le)

Lascia un Commento

G|translate Your license is inactive or expired, please subscribe again!